L' E.N.P.A. (Ente Nazionale Protezione Animali) é la più antica associazione protezionistica italiana e si occupa della tutela e della salvaguardia di tutti gli animali, d'allevamento o selvatici, da compagnia o in via d'estinzione. Nasce grazie alla volontà di Giuseppe Garibaldi nel 1871. Dal 1979 é ente morale di diritto privato e dal 1 Aprile 2004 é O.N.L.U.S. (Organizzazione Non Lucrativa ad Utilità Sociale).

L' E.N.P.A. conta su 132 Sezioni provinciali e Delegazioni comunali che operano su tutto il territorio nazionale sotto il controllo della Sede Centrale. Non riceve contributi dallo Stato e tutte le cariche elettive sono gratuite. Ogni risorsa disponibile viene impiegata nelle strutture operative per gli animali, come rifugi o cliniche, per le campagne d'informazione e per la vigilanza.

La Sezione di Voghera opera sul territorio da 15 anni ed é costituita da 16 volontari che dedicano il proprio tempo libero al perseguimento di tale fine: per 365 giorni l'anno i volontari lavorano per cercare di fare tutto quanto é possibile per gli animali.

Le attività della sezione sono: gestione del canile municipale di Voghera, gestione del gattile e di oltre 300 gatti suddivisi in oltre 27 colonie feline distribuite sul territorio di Voghera e dell' Oltrepò, controlli ed interventi in caso di presunti maltrattamenti, lotta e sensibilizzazione al problema del randagismo attraverso l'attività di propaganda e di educazione ad un corretto rapporto uomo-animale.

Per aiutarci puoi: diventare un socio della Sezione di Voghera (vedi "iscrizioni"), adottare un cane del rifugio (anche a distanza; vedi "adozioni"), fare attività di volontariato (vedi "come aiutarci") e vincere l'indifferenza di fronte ad un animale in difficoltà.

 

 LA GESTIONE DEL RIFUGIO 

Ogni giorno, con determinazione, i volontari lavorano per le esigenze e il benessere dei 150 ospiti della struttura. Gli operatori si organizzano in turni (solitamente di 3-4 volontari per 7/8 ore di lavoro giornaliero) così da poter garantire l'espletamento di tutte le mansioni necessarie, che sono:

 

bullet  PULIZIA DEI BOX,   tramite l'uso di disinfettanti specifici, compresa la sostituzione dell'acqua nelle ciotole a disposizione di ogni singolo animale; d'inverno inoltre, vengono distribuite coperte in ogni cuccia per riscaldare i cani durante la notte.

 

 

bullet  LE CURE VETERINARIE,  eseguite in tre cicli giornalieri: ci sono cani affetti da diabete, epilessia, problemi cardiocircolatori.... inoltre, tutti i cani sono regolarmente vaccinati, sterilizzati (le femmine) e in profilassi o terapia per la filariosi.
 

 

bullet  LA PREPARAZIONE DEL CIBO:  il 30% degli ospiti del rifugio segue una dieta personalizzata; per tutti gli altri c'é un attento studio delle dosi ideali, considerando la taglia, l'età e i cambi di stagione.

 

 

bullet  LE COCCOLE:  tante, abbondanti e in qualunque momento.

 

 

bullet  L'ASSISTENZA AL PUBBLICO,  cioé a tutti coloro che durate l'orario di apertura al pubblico (14.00 - 17.00) si rivolgono a noi per adottare un cane, fare una segnalazione o chiedere informazioni.

Tutti gli imprevisti, come accompagnare dal veterinario un cane che non sta bene, andare ad effettuare un recupero, fare la piccola manutenzione della struttura.......va ad intrecciarsi con un già complicato e pesante ordine di lavoro.

Inoltre, tutti i cani, durante il turno dei volontari, hanno la possibilità di girare liberi all'interno dei loro settori. Ciò fa si che non si sentano "in gabbia" e che per qualche ora al giorno possano scorrazzare liberi e giocare. L'uscita influisce positivamente sul loro stato psico-fisico, diminuisce gli episodi di aggressività e aumenta la qualità di vita.

E la domenica.... il turno é speciale! 

Tutti gli ospiti del canile hanno la possibilità di uscire a gruppi nel grande cortile della struttura e di correre, saltare e scorrazzare in uno spazio ancora più ampio in mezzo al verde, alle piante e ai fiori.

 
 
 

 

Invitiamo tutti coloro che si impressionano alla sola idea di venire a vedere il Rifugio a vincere il loro timore perché dietro il nostro cancello vedranno 300 occhi sereni che li scrutano e che fanno la guardia ad un luogo per loro sicuro, unica difesa conosciuta dagli abomini dell'essere umano.