E' obbligatorio rispettare alcune regole di base per assicurare al proprio gatto salute e benessere psico-fisico.

Se il gatto dovrà vivere con voi in casa é d'obbligo: 

  1. Prestare attenzione a porte e finestre, che siano chiuse per un periodo di almeno due mesi, necessario affinché il gatto si abitui a voi ed alla sua nuova casa;
  2. Evitare che il gatto possa passare dal vostro balcone o terrazzo a quello dei vicini di casa, soprattutto se vi trovate ai piani alti, ricorrendo a reti o quant’altro possa trattenerlo dal compiere spericolate acrobazie;
  3. Tenere costantemente pulita la sabbietta igienica nella lettiera;
  4. Evitare di abituare il gatto ad uscire di casa, soprattutto se abitate ai piani alti.

Se il gatto dovrà essere tenuto fuori e dentro casa (villetta, ad esempio) è d’obbligo:

  1. Impedirgli di uscire di casa per un primo periodo di adattamento della durata di almeno due mesi. Dopo che si sarà affezionato ed abituato a voi e alla nuova situazione, potrete gradualmente consentirgli la possibilità di accedere al giardino esterno, sempre che, facendolo uscire, non vi siano situazioni ad alto rischio (strade con traffico intenso, presenza di cani nelle immediate vicinanze o di vicini estremamente intolleranti);
  2. Evitare di utilizzare collari antipulci rigidi. Recentemente abbiamo avuto numerosi casi di gatti il cui collare antipulci, spostandosi accidentalmente, è finito sotto l’ascella, arrivando a produrre irreparabili lesioni ad una delle zampe anteriori. Ricorrere, piuttosto, a trattamenti antiparassitari di diverso genere e più sicuri, rivolgendovi al vostro veterinario di fiducia;
  3. Se volete dotare il vostro gatto di un segno di riconoscimento che ne attesti la vostra proprietà, utilizzate piuttosto collari flessibili di tipo estensibile. Se il gatto dovesse rimanere impigliato da qualche parte, il collare si estende quanto basta perché l’animale riesca più facilmente a liberarsene.

E inoltre

BISOGNA:

Usare una piccola medaglietta personalizzata, con i vostri recapiti telefonici, purché applicata ad un collare estensibile e non fisso; portarlo regolarmente dal veterinario per una visita generale; se a pelo lungo, spazzolarlo con una certa frequenza per evitargli occlusioni intestinali dovute all’ingestione di pelo; tenere sempre ben pulita la lettiera igienica; mettere dei telai con zanzariera alle finestre se abitate ai piani alti per evitare che possa cadere di sotto.

NON BISOGNA:

Farlo avvicinare ad alcune piante d’appartamento molto tossiche per il nostro micio (ad esempio: stella di Natale, ciclamino…); dare cibi salati e conditi ( sopratutto ossa che potrebbero perforare l’intestino); lasciarlo chiuso in auto; mettergli il collare antipulci rigido; viaggiare con il gatto libero in auto; tenerlo in condizioni che sono incompatibili con la sua stessa specie (legato a catena o chiuso sul balcone); fargli mancare acqua fresca sopratutto se si ciba di crocchette.